Utilizziamo solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per migliorare la vostra esperienza di navigazione sul nostro sito web. Continuando la navigazione accettate la nostra informativa sui cookies.

GTA nelle Valli di Lanzo

Nelle Valli di Lanzo il Sentiero Italia segue quasi fedelmente il tracciato GTA (Grande Traversata delle Alpi) per cui non si è reso necessario ideare nuovi sentieri ed itinerari ...

per saperne di più

ft_hp_05.jpg

Sentiero Marsaglia-Salvin

L'antica borgata di Marsaglia con il santuario L'antica borgata di Marsaglia con il santuario

Sentiero Marsaglia-Salvin

Una passeggiata sull'antico sentiero usato per portare a valle il fieno

La frazione Marsaglia

Il santuario di Marsaglia

La frazione è posta in un ridente pianoro dominata dalla chiesa con eleganti linee barocche della facciata, contornata da piccole e caratteristiche case in pietra, tipiche dei borghi alpini.La presenza di un edificio così grande e solenne in un borgo scarsamente abitato anche nei secoli passati, è comprensibile solo se lo si individua quale luogo di culto da tempo immemorabile, al crocevia di sentieri che conducevano agli alpeggi: l'ipotesi è avvalorata dal ritrovamento di manufatti in pietra, incisioni rupestri e cavità scavate nella roccia, segni di antichissimi riti.
Il santuario risale al 1771 (eretto per voto di una pastorella guarita dalla Madonna) ma sicuramente preesisteva una cappella le cui origini sono purtroppo avvolte nel mistero: è probabile che a sua volta si sia sovrapposta a un pilone votivo, come nella maggior parte dei casi relativi ai santuari delle Valli. L'elegante facciata barocca è caratterizzata da quattro lesene suddivise in tre ordini e da un frontone sul quale insiste un piccolo campanile centrale; una grande finestra ovale e due nicchie laterali ne alleggeriscono la parte centrale.Gli affreschi che arricchiscono l'interno sono dei primi anni dell'Ottocento e raffigurano scene tratte dai Vangeli: sulle vele della volta, inoltre, sono rappresentati a grandezza naturale i quattro Evangelisti. Le pareti sono tappezzate da ex-voto, specchio di una religiosità profondamente legata alla vita di tutti i giorni: realizzati con le più svariate tecniche (dipinti su metallo, su tela e su tavolette di legno) o costituiti da cuori votivi , stampe e oleografie, rappresentano una notevole testimonianza storica e sociale della vallata.Spiccano fra gli altri quelli relativi al periodo bellico compreso fra le Guerre d'Indipendenza e l'ultimo conflitto mondiale.Curioso rilevare che all'interno non esistono altari o cappelle laterali ma solo alcuni confessionali e un pulpito.Nel santuario si venera la Madonna Assunta la cui festa si svolge il 15 agosto (mes oust) ed è preceduta, la notte del 14, da una suggestiva fiaccolata. Viene celebrato annualmente anche l'8 settembre, festività della Natività di Maria (scund mes oust).

La borgata Salvin

La borgata Salvin

La borgata si trova a 1.550 m e grazie ad un’opera di recupero degli antichi alpeggi è rinata, grazie al restauro dell’alpeggio più grande il “Rifugio Agrituristico del Salvin “
Caratteristico un masso posizionato tra le baita che presenta particolari incisioni (coppelle e canaletti) che nel lontano tempo preistorico avrebbe avuto una funzione di “Masso Altare”, simile a quello di Bogone (Balme) indice questo di una particolare antropizzazione nelle valli di Lanzo da parte di popolazioni precristiane.

 

 

 

 

 

Il rifugio agrituristico Salvin

Un cartello segnaletico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mappa del percorso

CAI Sezione di Lanzo T.se

Tel. 360 444949
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Via G. B. Savant 1
10074 Lanzo Torinese (TO)

Follow Us